Agenda emiliana Easy assistance Wi Fair E-store  
E-milia.it E-milia.i E-milia.i E-milia.i
 
Vai a..
Aeroporti Associazioni Banche Formazione Stampa on line

FAQ
Domini .eu
Motori di ricerca
Posta Elettronica Certificata (PEC)
Privacy d.lgs. 196/03
Siti e partita IVA

News Ticker
Vuoi avere le ultime notizie di E-milia.it che scorrono nelle pagine del tuo sito?
ISCRIVITI E SCARICA »

Newsletter
Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità della tua regione? Iscriviti alla newsletter di E-milia, e riceverai periodicamente le notizie direttamente nella tua casella e-mail
ISCRIVITI »


Crisi, ogni giorno in città chiudono sette fabbriche
Stampa l'articolo
Invia l'articolo
Iscriviti alla newsletter
Cancellate o sull'orlo del fallimento più di 630 società negli ultimi tre mesi. Posti di lavoro e Pil in fumo. E tra gli industriali monta la rabbia.
La crisi presenta il conto sotto le Due Torri. Ed è un bilancio lacrime e sangue. Ogni giorno a Bologna e dintorni spariscono sette fabbriche. Dall’inizio del 2013 – tra chiusure, fallimenti e liquidazioni – all’appello mancano 632 aziende. Dati shock che riguardano società di capitale e mostrano che a saltare per aria non sono soltanto i negozi e artigiani stretti tra i vincoli di spesa degli enti locali e il crollo dei consumi. Il “prezzo” della crisi travolge ora senza distinzioni i marchi storici della meccanica e quelli della green economy. Tra gennaio e marzo, calcolano Unindustria e Camera di Commercio, le ditte che hanno chiuso i battenti sono 316, mandando in fumo posti di lavoro e punti di Pil. In pochi casi però si tratta di chiusure volontarie. Il grosso sono fallimenti dovuti ai troppi debiti. Il vero “allarme rosso” viene dalle aziende finite in liquidazione: oltre 300 in un solo trimestre.
Un boom rispetto allo scorso anno, quando il conto si fermò a 219. Il sistema perde pezzi, spesso pregiati, un giorno dopo l’altro. Come nel caso delle Officine Rizzoli. Parabola imprenditoriale iniziata a Budrio un secolo fa e conclusa con un triste fallimento a gennaio. Con l’ortopedia

e le protesi sparisce così uno dei “gioielli” della sanità bolognese. Non solo. In fumo anche 176 posti di lavoro, salvi solo se arriveranno compratori. Un caso emblematico perché il crac è causato (anche) dai mancati pagamenti delle Asl. Gli esempi sono centinaia: a febbraio, dopo aver atteso invano nuovi investitori, si è arresa la MicroVett di Imola, pregiato costruttore di veicoli elettrici (tra i suoi partner Fiat e Piaggio). A spasso rimangono i suoi 27 dipendenti.

Neanche sfornare prodotti di eccellenza, o di nicchia, sembra bastare. La cartiera Nova Scia di Argelato, che tra i suoi principali clienti ha la Fabriano (per cui produce i block notes), ha gettato la spugna a metà febbraio, bruciando altri 22 posti di lavoro, dopo aver tentato per anni di reggere la concorrenza dei cinesi. In bancarotta a marzo anche le Officine Parmeggiani (con oltre 50 dipendenti), in passato ai vertici europei nella meccanica fine, con due stabilimenti a Bologna e uno a Shanghai. Il crollo travolge soprattutto i piccoli marchi, meno attrezzati ad affrontare le turbolenze del mercato.

Non a caso, nel “conclave” organizzato nei giorni scorsi da Unindustria nella sede del gruppo Tas, dalla platea dei piccoli imprenditori è arrivata anche la proposta di una serrata di 24 ore in tutte le aziende della città. Per ora in via San Domenico cercano di raffreddare gli animi degli iscritti, ma la rabbia sale. "Stiamo valutando le iniziative da adottare – spiega il vicepresidente Daniele Salati Chiodini – per dare un segnale al governo". Nel mirino dell’associazione le banche: "Ci batteremo contro le commissioni che gli istituti fanno pagare sui fidi alle aziende". E la serrata? "È solo un’idea venuta dalla platea, ma la “base” ha voglia di farsi sentire.

larepubblica.it - 07 aprile 2013
 
 
Diario
« novembre 2017 »
d l m m g v s
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
             
 
Eventi recenti
Play il festival del gioco 2015
Dal 11 al 12 aprile
ModenaFiere
http://www.play-modena.it/
Play, il più grande Festival italiano ... »
Fiera di Modena 2015
Dal 25 aprile al 3 maggio 2015
ModenaFiere
http://www.fieradimodena.com
Per gli espositori è poss... »
Google

e-milia.it Blog
carpizeronove

E-Store
Paolo Ventura

Homepage Imposta Home page
Favoriti Aggiungi Preferiti
Favoriti Credits
Powered by Litoweb 2005-06
 
  P.IVA e C.F. 03180950366